È possibile infettarsi dall'alcolismo?

By in

Quando ci incontriamo con un raffreddore, prendiamo misure in modo da non infettare. E cosa fare quando si incontrano con coloro che soffrono di alcolismo, schizofrenia, disturbi ansiosi.

Naturalmente, varie malattie mentali non possono essere attribuite a contagiosi (sebbene alcuni stati e abitudini emotivi possano essere trasmessi da persona a persona). Tuttavia, il nostro desiderio (parzialmente comprensibile) di allontanarsi può portare all’alienazione dei pazienti dalla società e trasformarli in emarginati.

Gli psicologi Jessica Marsh e Lindzi Shanks hanno condotto diversi studi per scoprire quanto sono comuni i pregiudizi sul contrasto delle anomalie mentali e come influenzano l’atteggiamento nei confronti dei malati di mente.

Inizialmente hanno intervistato 45 studenti sul loro atteggiamento nei confronti delle persone che soffrono di vari disturbi mentali. Sono state menzionate 12 malattie: alcolismo, sindrome da deficit di attenzione, schizofrenia, disturbi allarmanti … gli intervistati avrebbero dovuto valutare la probabilità (come percentuale) per “essere infettati” con queste malattie.

Le risposte erano molto diverse a seconda della malattia. Gli studenti più “contagiosi” hanno calcolato l’alcolismo (56%), l’anoressia (35,7%), il disturbo depressivo (32,2%) e l’ipocondria (30,6%). D’altra parte, il rischio di “infezione” è stato valutato a basso per la sindrome di Tutrett (4,2%), autismo (5,2%), schizofrenia (7,4%) e disturbo bipolare (11,2%).

Sono state anche poste altre domande agli intervistati, ad esempio, come comunicheranno volentieri con una persona mentalmente sbilanciata. I ricercatori hanno osservato che la riluttanza a contattare i pazienti era più strettamente connessa con idee sulla “contagosità” della loro malattia. Altri fattori, ad esempio, hanno la malattia fisiologica o psicologica della malattia e se i pazienti sono in grado di controllare i loro sintomi, erano interessati a coloro che incontrano molto meno.

Nel secondo esperimento, gli intervistati hanno dovuto rispondere se fossero pronti a contattare una persona che soffre di qualsiasi disturbo mentale. Allo stesso tempo, le malattie erano immaginarie. Il minimo voleva comunicare con coloro il cui (inventato) afferma gli autori dello studio chiamati “contagiosi”.

Nel terzo studio, gli studenti sono stati invitati a spiegare come immaginano possibili meccanismi di “infezione” da malattia mentale. Quasi tutti hanno ammesso che malattie come l’influenza e la varicella vengono trasmesse con stretto contatto e in un tempo abbastanza breve. Secondo gli intervistati, al fine di “infettarsi” da una malattia mentale,

è necessario un lungo contatto – più anni di un minuto. Tuttavia, non potevano dire nulla di specifico sui meccanismi di tale “infezione”, limitata alle frasi generali.

Gli autori dello studio sottolineano che al fine di migliorare l’atteggiamento nei confronti dei pazienti nella società, è molto importante condurre un lavoro educativo, affermando che la malattia mentale non è contagiosa.

Per maggiori dettagli vedi. J. Palude, l. Shanks “pensando di poter catturare la malattia mentale: come le credenze sul raggiungimento dell’appartenenza e sulla struttura della categoria influenzano i membri della categoria di salute interali”, memoria y & Cognizione, 2014, vol. 42, n. 7.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *